Ci occupiamo di tutela dei diritti dei minori e neo maggiorenni in situazione di disagio sociale, dei ragazzi accolti all’interno delle strutture socio-educative e negli insediamenti formali ed informali. I nostri obiettivi sono di far crescere in questi giovani la coscienza critica in ordine ai loro diritti, eliminare disservizi, discriminazioni e pregiudizio nei confronti degli stessi, favorire percorsi di inserimento/reinserimento sociale e lavorativo. In particolare, l’Associazione svolge attività in favore di minori e neo maggiorenni in condizione di povertà e di potenziale esclusione sociale.

Questa esigenza ha portato a sperimentare l’attività di mediazione sociale come metodologia operativa, operando all’interno dei servizi della Giustizia minorile, nello specifico con il Centro Giustizia Minorile di Roma e con la Procura presso il Tribunale per i Minorenni di Roma, con i quali l’Associazione ha siglato un protocollo d’intesa.

L’attività di mediazione sociale è orientata a stimolare la partecipazione attiva di diverse categorie e contesti - a partire dai singoli, dai gruppi sociali di appartenenza, alle realtà locali e territoriali dei contesti di vita dei ragazzi - nella gestione delle tematiche conflittuali e delle criticità che possono insorgere tra i diversi attori del territorio.

Molto spesso gli interventi vengono posti sul territorio e sulla comunità di appartenenza (fuori dalle strutture tipiche dei Servizi della Giustizia minorile), raggiungendo quelle realtà esterne maggiormente marginali e difficilmente accessibili agli operatori tradizionali e istituzionali.

L’approccio che proponiamo si basa sull’accoglienza e sull’ascolto, dei ragazzi così come delle loro famiglie. Poniamo particolare interesse alle relazioni. La presenza costante degli operatori presso le comunità di appartenenza, luoghi di ritrovo e contesti di vita, favorisce un processo di conoscenza e l’instaurarsi di un rapporto di fiducia.

L’attività di mediazione sociale permette così di abbattere il muro del pregiudizio sia da parte dei ragazzi e delle famiglie, sia da parte dell’Istituzione.

Tutti gli interventi messi in campo con i giovani e per i giovani avvengono, in collaborazione con le altre figure presenti sul territorio (Municipi, scuole, Servizi Sociali, Ufficio Tutele Dipartimento, Associazioni e Cooperative etc).

Crediamo fortemente nella promozione del lavoro in rete e, costantemente, si lavora per rendere questa rete sempre più ampia e forte.

Percorsi di Regolarizzazione

Attualmente ci si sta occupando di avviare percorsi di regolarizzazione amministrativa attraverso la richiesta di cittadinanza come previsto dalla legge 91/92 per i nati in Italia al compimento del diciottesimo anno di età.
Tale attività si occupa di fare informativa ai ragazzi e alle ragazze prima del compimento del diciottesimo anno di età e aiutarli a raccogliere i documenti necessari per poi accompagnarli presso l’anagrafe per la presentazione della domanda.

Ambiti di Intervento

Le attività di mediazione sociale partono di solito da interventi presso i seguenti servizi della Giustizia Minorile:

  • Centro di Prima Accoglienza Penale (C.P.A.)
  • Ufficio Servizio Sociale Minorenni (U.S.S.M.)
  • Istituto Penale per Minorenni (I.P.M.)
  • Procura presso il Tribunale per i Minorenni
  • Tribunale per i Minorenni
  • Forze dell’ordine
  • Contesti di vita (campi rom, campi spontanei e autorizzati, luoghi di ritrovo, abitazioni private, case famiglia)
Creazione Siti WebSiti Web Roma